Bienno.jpg

Bienno dichiara guerra a Roma

Le prime ombre sui tagli ai trasferimenti dallo Stato ai Comuni, nonostante l’elevato gettito dai comuni allo stato derivante dal residuo fiscale, si ebbero nel 2012: ora, però, è esploso il caso e Bienno protesta vibratamente. Non ci sta, a metà anno fiscale, con gli appalti in corso ed i contratti sottoscritti, a recedere dagli impegni assunti e non ci sta ad aumentare la tassa comunale ai cittadini.

Per questo il Sindaco ha scritto una dura lettera di protesta al Prefetto, rappresentante territoriale dello Stato centrale. Dopo la lettera di questo lunedì al Prefetto, il Sindaco di Bienno ha deciso anche di esporre a mezz’asta le bandiere italiane che sventolano sugli edifici pubblici. Quindi, a fine mese, in apposito consiglio comunale ci sarà un altro provocatorio gesto di protesta: chiedere l’autonomia fiscale di Bienno rispetto a Roma, visto l’enorme divario tra quanto i biennesi versano e quanto lo stato restituisce a Bienno. E Bienno ha dichiarato guerra a Roma: si tratta di un piccolissimo Davide contro un mostruoso Golia, ma il dado è tratto e a questo primo lancio di fionda potrebbe seguire una valanga.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli