Pazienti cronici Ats

Ats Brescia prende in carico i pazienti cronici

Un ciclo di eventi della durata di un’ora per la presa in carico di pazienti cronici. Questa è la nuova iniziativa targata Ats Brescia che si rivolge a medici di Medicina Generale, farmacisti, infermieri, amministratori locali e operatori dei Servizi Sociali. Il calendario partirà domani, lunedì 23 settembre alle ore 20 a Villa Barbarano, in via Spiaggia d’oro 21 a Salò. Sette date per sette incontri che inizieranno alle ore 2o e si svolgeranno in sette diverse località del Bresciano. Gli altri incontri si terranno giovedì 26 settembre alla Sala Nicolini in via Guglielmo Marconi 3 a Travagliato, lunedì 30 settembre al Castello Oldofredi di via Mirolte a Iseo, giovedì 3 ottobre in Sala Consiliare in piazza XX settembre a Gottolengo, lunedì 7 ottobre nella sala di rappresentanza dell’Ats di Brescia in viale Duca degli Abruzzi 15 in città, giovedì 10 ottobre alla sala Don Tadini di piazza IV novembre 13 a Botticino e per concludere, appuntamento lunedì 14 ottobre a Villa Glisenti in via Italia 68, a Villa Carcina. I promotori e relatori del progetto sono il Consigliere Regionale e vicepresidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali Regione Lombardia, Simona Tironi, il Direttore Generale ATS Brescia, Claudio Sileo, la Presidente ATF Federfarma Brescia, Clara Mottinelli, il Presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Brescia, Francesco Rastrelli, il Presidente Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Brescia, Ottavio Di Stefano e la Presidente Ordine delle Professioni Infermieristiche di Brescia, Stefania Pace.

 

Immagine del Giornale di Brescia.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”