Asd Gandinese, voglia di calcio e voglia di vincere

Dopo due stagioni tribolate a causa della pandemia (nel 2020-21 il campionato si è ridotto addirittura a tre sole partite disputate) per l’Asd Gandinese 2015 è tempo di ripartenza. Lo staff guidato dal presidente Carmelo Canali lavora alacremente per allestire la formazione che disputerà il prossimo campionato di Seconda Categoria.

Venerdì 2 luglio la rosa rossonera è stata ufficialmente presentata al Gandinese Stadium, presente al completo il gruppo di dirigenti e tecnici. “Partiamo, senza nasconderci, per puntare al passaggio di categoria – hanno affermato all’unisono il direttore sportivo Giorgio Robecchi ed il direttore tecnico Oriano Signori – ed al conseguimento di questo obiettivo siamo certi contribuiranno non soltanto staff tecnico e calciatori vecchi e nuovi (guidati dal capitano Loris Rudelli), ma l’intera famiglia rossonera rappresentata anche dai ragazzi del settore giovanile e dai tanti affezionati tifosi”.

Nella seconda metà di giugno l’Asd Gandinese ha organizzato anche la prima edizione del “Gandinese Football Camp”, uno stage intensivo di due settimane che ha raccolto una trentina di ragazzi compresi fra le classi dal 2007 al 2014.  A guidare l’attività c’erano Matteo Bonomi (neo responsabile rossonero del settore giovanile), Pietro Picinali (allenatore della prima squadra), Roberto Bonazzi (gloria calcistica della Val Gandino), Andrea Foresti, Enrico Botta (allenatore dei Giovanissimi) e Giuseppe Ricuperati (allenatore degli Allievi). Al via della nuova stagione il settore giovanile schiererà tre formazioni: oltre a Giovanissimi ed Allievi c’è infatti la novità della formazione Esordienti (classi 2009-2010) per la cui attività la società rossonera ha deciso di non richiedere alcun contributo spese alle famiglie.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Verso le Olimpiadi 2026

Si è aperta questa sera la due giorni di dibattiti e confronti del 134° Comitato Direttivo Arge Alp, la Comunità di Lavoro delle Regioni Alpine.