Artogne piange Giandomenico Benzoni

Si stanno chiarendo i contorni della tragedia avvenuta a Ospitaletto dove alla Ferrosider questo lunedì 13 giugno ha perso la vita Giandomenico Benzoni, 50enne di Artogne, dipendente della Simin di Costa Volpino.

Infortunio mortale sul lavoro alla Ferrosider di Ospitaletto questo lunedì 13 giugno dove ha perso la vita Gian Domenico Benzoni, operaio 50enne di Artogne, dipendente della ditta Simin di Costa Volpino, per la quale lavorava da circa 20 anni. L’infortunio è avvenuto all’interno dei capannoni della Ferrosider dove Gian Domenico si stava occupando del carico del rottame sui camion. Secondo le prime testimonianze raccolte dai carabinieri, l’uomo sarebbe stato schiacciato dalla calamita dal peso di circa tre tonnellate usata per spostare il materiale, che lo avrebbe colpito proprio all’altezza del collo. A trovarlo accasciato e privo di vita è stato un collega, che ha dato l’allarme: sul posto sono giunto i sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del camuno. I colleghi di lavoro hanno proclamato 8 ore di sciopero e chiesto ai vertici aziendali un incontro per chiarire la dinamica della tragedia. Ad Artogne, dove Gian Domenico è molto conosciuto, la gente ha iniziato il mesto pellegrinaggio per portare conforto alla moglie e alla figlia adolescente.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare