Aree protette, approvata legge regionale

La riforma prevede una gestione semplificata e nove macroaree.

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato, con i voti della maggioranza di centrodestra, la legge di riforma del sistema dei parchi e delle aree protette. Fra gli obiettivi dei promotori, la “semplificazione della gestione” attualmente affidata a 80 enti gestori, anche incentivando l’accorpamento volontario attraverso l’individuazione di 9 macroaree omogenee.

Queste le macroaree individuate dalla nuova legge: la prima comprende i parchi di Campo dei Fiori, Pineta, Spina Verde,Groane, Valle del Lambro, Montevecchia e Valle del Curone, Bosco delle Querce; la seconda Grigna Settentrionale e Monte Barro; la terza Orobie Valtellinesi e Orobie Bergamasche; la quarta Alto Garda Bresciano, Adamello e la parte lombarda del Parco nazionale dello Stelvio; la quinta il Parco regionale del Mincio; la sesta Oglio Nord, Oglio Sud e Monte Netto; la settima Adda Nord, Adda Sud, Colli di Bergamo e Serio; l’ottava il Parco Agricolo Sud Milano e Nord Milano; la nona il Parco naturale lombardo della Valle del Ticino.


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in