ArcheoBreno: la contemporaneità trova le sue radici

Lo scorso sabato a Breno si è respirata aria di preistoria; infatti, il Castello è diventato teatro di laboratori di archeologia sperimentale. L’associazione Archexperience, in collaborazione con Pro Loco, Comune di Breno e Marta Tour ha organizzato l’evento ArcheoBreno, una giornata dedicata all’archeologia sperimentale. I più piccoli hanno potuto cimentarsi nella tessitura e in una serie di mestieri dell’antichità. Ceramica neolitica, archeometallurgia e cucina paleo, neolitica e medievale sono state alcune delle iniziative proposte.

Laboratori di questo tipo attirano sempre l’attenzione dei bambini, predisposti per natura alla curiosità. Queste iniziative permettono loro di riscoprire tempi antichi, usi e tradizioni che sono lentamente sciamati. In una quotidianità sempre più frenetica, più tecnologica e istantanea, i laboratori di archeologia danno la possibilità ai più piccoli di riappropriarsi del tempo e della pazienza necessaria per arrivare ad avere un prodotto finito, staccandosi per un attimo dal magico click che risolve ogni problema in 0.008 secondi.

In quest’occasione è stata inaugurata anche la Biennale d’arte Arcaico Contemporaneo, una mostra che coinvolge 60 artisti e circa 400 opere che verranno esposte in 22 luoghi della Valle Camonica. L’evento, coordinato artisticamente da Virgilio Patarini, riempirà il territorio di arte e cultura fino al 31 ottobre. Le opere non adorneranno solo le pareti di gallerie e musei, ma arriveranno anche in ambulatori medici e pizzerie, perseguendo l’idea di un’arte che sia accessibile a tutti.

La Biennale vuole essere un punto d’incontro tra contemporaneità e arcaico, un ritorno alle origini, perché l’oggi affonda le proprie radici nel giorno precedente e in quello prima ancora.

                                   Maria Ducoli

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

I dati del virus nella bergamasca

Stando all’ultimo monitoraggio diffuso dall’Ats, dal 19 al 25 gennaio in Bergamasca si sono contati 19.191 nuovi casi, contro i 20.969 della settimana precedente, ossia

Il giorno della memoria

Oggi 27 gennaio è il Giorno della Memoria, istituito per ricordare lo sterminio e la persecuzione del popolo ebraico e dei deportati militari e politici