Aperta la più qualificata fiera dello sci e della montagna

Ritorna Skipass la più importante manifestazione fieristica italiana dedicata allo sci e al mondo della neve in generale. Skipass (www.skipass.it) andrà in scena dal 29 ottobre al primo novembre a Modenafiere e, per quanto rispettosa di tutte le disposizioni sanitarie, riproporrà la sua consueta, e fortunata, formula: spettacolo, turismo, tecnica e tanti incontri con i campioni delle discipline bianche. Ampio spazio sarà dato alle più importanti aree di turismo invernale del nostro Paese, che saranno presenti per raccontarsi e presentare pacchetti e offerte dedicate ai visitatori. L’attività in quest’area sarà intensa, con conferenze stampa negli stand, ospiti, eventi di presentazione delle novità della stagione invernale 2021/2022. Presente, e non poteva mancare, la Regione Lombardia con le sue stazioni sciistiche, le offerte, i programmi “La montagna c’è e dopo un periodo davvero difficile, con le chiusure degli impianti delle piste a seguito dei provvedimenti connessi all’emergenza sanitaria, è pronta a ripartire di slancio. Con nuovo entusiasmo”. Così Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda, è intervenuta, a Modena, alla cerimonia di inaugurazione di ‘Skipass-Turismo e sport invernali 2021’.

In programma nella città emiliana dal 29 ottobre al 1° novembre, si tratta del più importante evento fieristico d’Italia dedicato alla neve. Un salone dedicato agli sport invernali e alla montagna bianca. Ed è punto di riferimento di professionisti, operatori del settore, appassionati di montagna e sportivi.

“La montagna – ha detto l’assessore Magoni – è un settore nevralgico per l’economia e l’occupazione dei territori. Dopo mesi di difficoltà, finalmente professionisti ed operatori rivedono la luce: l’evento modenese è una vetrina delle bellezze e dell’attrattività delle montagne italiane. In particolare, la Lombardia si appresta alla stagione invernale imminente con tanta fiducia. Il 40% del nostro territorio è infatti costituito da montagne. Per questo motivo, riprendere l’attività, in totale sicurezza, significa dare nuova linfa all’economia dei territori montani, al turismo che vi fa riferimento e all’indotto”.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché