Anni Novanta, crisi del turismo termale: “A Darfo ha lasciato un segno che perdura ancora oggi”

La crisi del turismo termale degli anni Novanta a Darfo Boario Terme ha lasciato un segno che perdura ancora oggi. Sono una decina le strutture alberghiere fatiscenti che difficilmente ora come ora potrebbero tornare ad ospitare turisti, visto che necessiterebbero di un restauro totale. La conversione di questi edifici in altre attività, tuttavia, è rallentata da un “vincolo alberghiero” introdotto sul finire del secolo scorso dal Consiglio comunale dell’epoca con lo scopo di arginare l’allarmante tendenza alla trasformazione degli alberghi in edifici residenziali, con il rischio della dispersione del patrimonio ricettivo della stazione termale.

“Si trattava evidentemente di misura eccezionale e transitoria, ma la stessa non è stata riveduta nemmeno nel lungo percorso preparatorio del vigente Piano di Governo del Territorio”, spiega Giampietro Ghilardi, proprietario dell’Hotel San Marco e responsabile del volantino “L’arciere”. Il vincolo di fatto “vieta interventi finalizzati al cambio di destinazione d’uso salvo i casi in cui l’Amministrazione Comunale, mediante apposita Delibera di Consiglio Comunale, ne consenta la trasformazione, anche verso la residenza e il commercio”.

Lo scorso anno l’Amministrazione comunale ha dato il via libera alla riconversione in negozi e appartamenti di tre edifici su cui il vincolo alberghiero è stato tolto: l’Hotel Ariston, il Miravalli e la pensione Ornella – tutte strutture chiuse sul finire degli anni Novanta – con l’obbiettivo di dare nuova vita a edifici oggi simbolo di degrado. “Riteniamo non sia sufficiente – prosegue Giampietro -. Sarebbe opportuno rivedere in primis il divieto di cambio di destinazione d’uso degli esercizi alberghieri, che obbliga i gestori a sottoporre i loro programmi di sviluppo all’approvazione del Consiglio comunale”.

Nel 1991 le strutture ricettive di Darfo erano 52, oggi sono circa venti tra B&B e Hotel. Di queste, solo 8 sono gestite direttamente dai proprietari e le altre sono in maggior parte prossime al fine dei contratti di gestione. “Chiediamo che venga allargato il ventaglio delle destinazioni d’uso ammesse, tenendo presente la vasta gamma delle moderne esigenze turistiche, che possono richiedere nuove destinazioni d’uso, che superino i settori oggi esclusi, con particolare riguardo alle attività di nicchia – conclude Ghilardi -. La possibilità di cambio d’uso verso le nuove destinazioni dovrebbe essere ammessa a tutte le strutture non operative da almeno due anni”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

autobus linea

Modifiche di percorso delle linee 3 e 9

Bergamo, 23 ottobre 2020 – ATB comunica che sabato 24 ottobre, in occasione dello svolgimento della partita di calcio “Atalanta-Sampdoria” dalle ore 13:00 alle ore