Anche Malegno S’illumina di Meno

Con un salto di specie, da pipistrello a pangolino per poi arrivare all’uomo, il virus ha messo in ginocchio il mondo intero. Adesso tocca all’essere umano fare un passo in avanti per condurre uno stile di vita più responsabile, green e sostenibile. Rai Radio 2 anche in quest’anno difficile non rinuncia all’iniziativa nazionale M’illumino di Meno, nata nel 2005 per chiedere alle persone di spegnere le luci non essenziali e risparmiare i consumi.

Fin dagli albori, Malegno partecipa attivamente alla giornata dedicata alla sostenibilità e all’economia circolare.     Quest’anno, oltre ad un salto di specie, è stato necessario reinventarsi. Infatti, a causa del Covid, la cena a lume di candela e la camminata al buio nei boschi del paese non s’hanno da fare. L’Associazione Malegno comunità che educa ha voluto comunque essere presente e attiva sul tema, organizzando l’iniziativa a distanza e rendendola il più inclusiva possibile.

L’associazione Marianna Vertua, gestrice dell’asilo, propone ai più piccoli la costruzione di un porta tovagliolo, utilissimo per una cena a lume di candela entro le mura domestiche. Per i bambini delle elementari, il servizio del doposcuola ha preparato un video-tutorial per una lanterna fatta in casa, mentre i più grandi – i ragazzi delle medie – realizzeranno un racconto sul proprio salto di specie, corredato da delle foto.

Inoltre, l’Associazione Malegno comunità che educa ha deciso di lanciare un contest fotografico, in modo da coinvolgere proprio tutti, anche gli adulti, che forse hanno maggiormente bisogno di essere sensibilizzati alla sostenibilità.

«L’Associazione, nelle settimane precedenti, ha lavorato per un evento in presenza, poi il nuovo lockdown ha stravolto le carte in gioco. Crediamo che sia importante parlare di questi temi, di conseguenza abbiamo pensato di sfruttare le tecnologie per essere comunque presenti» commenta Dario Pezzoni, presidente dell’associazione malegnese.

La pandemia ci ha mostrato come il mondo che abbiamo voluto creare a nostra immagine e somiglianza ci si stia scagliando contro, seguendo i propri ritmi di natura. È giunta l’ora di fare un salto di specie.

Maria Ducoli

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli