Agriturist: fatturato del settore agrituristico italiano supera il miliardo

 
Fatturato stimato in 2.3 miliardi di euro, 0,9 miliardi proventi dalla vendita di prodotti destinati all’alimentazione di turisti stranieri. Sarebbero 934 mila i visitatori che scelgono prodotti agricoli e agroalimentari made in Italy.
Il fatturato delle imprese agricole prodotto dal turismo, sulla base di elaborazioni del Centro Studi Confagricoltura per Agriturist, è stimato in circa 2,3  miliardi di euro, di cui 0,9 miliardi provenienti dalla vendita di prodotti agricoli destinati all’alimentazione dei turisti stranieri, 0,2 miliardi derivati dai maggiori consumi alimentari dei turisti italiani, e 1,2 miliardi dall’esercizio dell’attività agrituristica. A questo si aggiungono i quasi 2,4 miliardi di fatturato dell’industria agroalimentare, grazie ai consumi alimentari dei turisti stranieri e italiani. 
 
Le presenze degli ospiti stranieri equivalgono ad una “popolazione aggiuntiva”  di circa 934 mila persone, che consuma in larga prevalenza prodotti agricoli e agroalimentari “Made in Italy”. Secondo le stime del Centro Studi Confagricoltura, ogni giorno che un turista straniero trascorre in Italia vale per l’agricoltura 2,48 euro e per l’industria alimentare 5,59 euro. Sulla base delle stime di utenza dei principali servizi agrituristici, compresa la vendita diretta dei prodotti, il fatturato complessivo dell’agriturismo si può quantificare in circa 1,2 miliardi di euro.
 
“Questo nostro meraviglioso ed unico modello del ‘made in Italy’– conclude il presidente Agriturist  –  permette ai nostri ospiti di soggiornare e conoscere la vita rurale, i prodotti enogastronomici del nostro territorio e scoprire le bellezze dei meravigliosi luoghi della cosiddetta “cultura minore”, trascorrendo una vacanza perfetta e conveniente. Siamo una meta turistica sempre ambitissima e con il maggior numero di siti Unesco e di prodotti Dop e Igp. Abbiamo l’occasione di concretizzare questi nostri primati, con ulteriori benefici anche i prodotti agricoli e agroalimentari. Valorizziamo il brand Italia attraverso un progetto organico di promozione del turismo, facendo anche ordine nell’offerta turistica e combattendo l’abusivismo”. 
 
Stima della spesa per ristorazione e acquisti agroalimentari dei turisti stranieri
Fonte: elaborazione Centro Studi Confagricoltura su dati Banca d’Italia e ONT
 
Stima delle presenze nelle aziende agrituristiche “ottime” (90 giorni di utilizzazione media dei posti letto)
(1) Giorni di rilevanza turistica (fine settimana, ponti, periodi di ferie stagionali) – (2) Ponte dell’Epifania – (3) Ponti di Pasqua e 25 aprile – (4) Ponte del 1° maggio – (5) Ferie estive –  (6) Ponte Ognissanti – (7) Ponti 8 dicembre e Capodanno – (8) Media di utilizzazione degli alloggi riferita ai soli giorni utili. Fonte: elaborazione Centro Studi Confagricoltura
 
Stima del fatturato delle aziende agrituristiche 
Fonte: elaborazione Centro Studi Confagricoltura

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché