Lago d'Iseo

A Lovere una giornata per valorizzare il Sebino

Sabato 12 novembre l’Accademia Tadini di Lovere ospiterà il pomeriggio di studi “La promozione e la valorizzazione del territorio Sebino: una guida alle buone pratiche”.

Dalle ore 14.30 nella sala degli Affreschi (piazza Garibaldi 5) si comincerà con le relazioni di Monica Ibsen e Federico Troletti, che faranno il punto sulla ricerca dei “Percorsi”; lo studio ha portato alla stesura di 132 nuove schede dedicate ai contesti urbani e agli edifici ritenuti particolarmente significativi del territorio e di undici itinerari culturali che consentono di percorrerlo, mettendone in rilievo la ricchezza. Le schede sono consultabili on line sul sito www.iseolake.it.

Alberto Bianchi illustrerà poi i risultati del progetto elaborato da Archimedia per acquisire la documentazione digitale sistematica delle tavole del Catasto lombardo-veneto, resa consultabile on line come punto di partenza per successivi interventi dei quali illustrerà le potenzialità e le possibilità.

Nella seconda parte della giornata, saranno riportati esempi di “buone pratiche” per la gestione del territorio attraverso vari punti di vista. Annamaria Ravagnan, della Direzione Generale Culture di Regione Lombardia, illustrerà la funzione dei sistemi museali come approccio alla conoscenza di un territorio. Luigi Zanella, Dedagroup, si soffermerà sul ruolo degli Enti locali come promotori di iniziative per rileggere, attraverso gli strumenti informatici e digitali, il territorio. 

In seguito Noemi Satta, esperta di marketing culturale, interverrà con una riflessione sul ruolo della cultura come motore di coesione sociale e di innovazione territoriale, punto strategico di una valorizzazione che mette al centro la relazione e l’esperienza delle comunità di riferimento.

Concluderà il pomeriggio una tavola rotonda, introdotta da Giovanni Guizzetti, sindaco di Lovere e Rappresentante del G 16, moderata da Maria Ines Aliverti e Marco Albertario, alla quale sono stati invitati rappresentanti delle Amministrazioni comunali e operatori locali.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare