morto boschi

40enne muore sul lavoro nei boschi di Bormio

E’ stato recuperato dai tecnici della VII Delegazione del CNSAS nella serata di venerdì 2 giugno verso le 19.30 il corpo di un operaio che è morto mentre stava lavorando in un bosco in località Cigoz sopra la diga di Fusino a circa 2.000 metri di quota sopra Bormio.

Si tratta di un 40enne di nazionalità romena che con altri colleghi stava eseguendo dei lavori di disboscamento per una ditta svizzera, quando è avvenuto l’incidente e le ferite riportate sono state letali. La dinamica di quanto accaduto è in fase di accertamento da parte dei Carabinieri di Sondalo intervenuti con gli specialisti del SAGF della Guardia di Finanza di Bormio e i Vigili del fuoco. Sembra che un cavo delle teleferica per il trasporto legname si sia sganciato colpendo gli operaio che operavano a terra. Per il 40enne non c’è stato scampo e a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione effettuata dia tecnici del 118 giunti sul posto. Una volta effettuata la constatazione del decesso, la salma è stata recuperata e portata a valle: l’intervento è terminato solo a notte fonda.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Messa per i bergamaschi nel mondo

Un momento di preghiera e di riflessione comunitaria, anche online, per tutti i bergamaschi all’estero. In occasione delle imminenti festività natalizie, l’Ente Bergamaschi nel Mondo