Sequestro per droga

17enne finisce in comunità dopo l’arresto

I carabinieri di Castrezzato hanno arrestato un albanese 17enne, domiciliato in zona, nullafacente per spaccio di stupefacenti: il ragazzo era stato segnalato più volte dai residenti nella zona in cui operava come spacciatore.

I militari, allo scopo di verificare le segnalazioni, hanno predisposto uno specifico servizio di osservazione lungo via Kennedy a Castrezzato: hanno così potuto notare un’autovettura in sosta con a bordo un italiano di 37 anni che, alla vista dei Carabinieri, ha gettato dal finestrino un involucro termosaldato contenente una dose da mezzo grammo di cocaina. L’involucro è stato subito recuperato dai carabinieri. Il 37enne ha dichiarato loro di averlo acquistato dal ragazzo che si trovava in auto con lui in quel momento, al corrispettivo di 40 euro. Tale somma era in possesso del giovane e gli è stata quindi sequestrata. Quindi è stata effettuata una perquisizione al domicilio del 17enne sono sono stati trovati complessivamente oltre 15 grammi di cocaina, parte dei quali già suddivisa in sei involucri pronti allo spaccio; un involucro contenente un grammo di hashish; 550 euro contanti provento di illecita attività; un bilancino di precisione e vari ritagli di busta utilizzati per confezionare lo stupefacente; un cellulare Iphone di ultima generazione utilizzato per farsi contattare dagli acquirenti. Il 37enne verrà segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. L’arrestato su disposizione della Procura dei minori è stato accompagnato presso una comunità in Brescia e a seguito del rito direttissimo avvenuto in data 30 marzo, nel quale veniva convalidato l’arresto, il giovane è stato collocato in comunità.

 

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare