maltrattamenti vallecamonica

Vallecamonica: violenza sulle donne, 2 arresti dei Carabinieri

Anni di violenze nei confronti della moglie e della compagna convivente: due uomini, un cittadino 36enne originario del Marocco e un italiano 45enne residente in alta valle, sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Breno con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.
Due storie apparentemente lontane, ma accomunate dalla stessa violenza fisica e psicologica esercitata dall’uomo maltrattante nei confronti della convivente.
Il primo arresto, eseguito in flagranza di reato, è stato quello operato nella notte di lunedì; da alcune settimane i militari stavano monitorando una situazione che, seppur mai denunciata dalla vittima, anche lei di origine marocchina ma da diversi anni residente in Italia, risultava essere assai grave. I Carabinieri, venuti a conoscenza di alcuni accessi in pronto soccorso da parte della signora, hanno voluto approfondire la vicenda attese le troppe cadute o eventi accidentali.
Hanno deciso pertanto di fare chiarezza e nel contempo hanno attivato i servizi sociali e il centro antiviolenza.
La ricerca degli accessi in ospedale è stata estesa anche a un’altra zona d’Italia, nella quale la famiglia ha vissuto fino a pochi mesi fa e anche in questo caso sono emersi vari ingressi, troppi, per essere ritenuti causati da eventi accidentali.
I Carabinieri, hanno fornito alla vittima tutta la possibile assistenza e la donna ha preso fiducia; nella notte di lunedì nuovamente aggredita senza motivo, si è convinta a chiamare il 112. Quando la pattuglia è arrivata sul posto, ha accertato che aveva evidenti segni di percosse sul volto. Il marito – che non voleva che i militari entrassero in casa e ha provato a non aprire la porta – è stato arrestato e associato al carcere. Il Giudice ha applicato la misura del divieto di avvicinamento e contatto con la donna.

Il secondo arresto è stato eseguito nel pomeriggio di ieri; anche in questo caso la donna, stanca delle aggressioni e delle minacce anche gravi a lei destinate, su attivazione dei Carabinieri che l’avevano interpellata perché insospettiti dagli anomali accessi al pronto soccorso, ha deciso di denunciare le condotte del compagno convivente.
Sulla base degli approfonditi accertamenti eseguiti dai militari, la Procura della Repubblica ha chiesto e ottenuto dal Gip un’ordinanza di applicazione di misura cautelare; il Tribunale ha disposto che l’indagato fosse ristretto agli arresti domiciliari con divieto di avvicinamento alla compagna.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli