Carabinieri orzinuovi droga

Usa il bambino degli amici per ingannare i Carabinieri

I Carabinieri di Orzinuovi hanno arrestato per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed hashish un marocchino, regolare nel territorio italiano, residente a Ludriano di Roccafranca, nullafacente.

Durante un servizio antidroga nella serata di lunedì 15 gennaio, si imbattevano in una donna, già segnalata quale assuntrice di sostanze stupefacenti, che si aggirava per le vie del centro storico di Orzinuovi a bordo della propria bicicletta. Poco dopo veniva notata autovettura SW di colore grigio, condotta da un uomo, identificato poi nel marocchino 52enne , con a bordo un bambino sul sedile posteriore. Si avvicinava alla donna iniziando una conversazione che suggeriva un contesto familiare: ma i militari hanno deciso di intervenire, verificando che i sorrisi ed i gesti affettuosi nei confronti del bambino erano solo un metodo per mascherare lo spaccio di sostanza stupefacente in atto, trovando 2 dosi di cocaina acquistata per la cifra di 70 euro. Il marocchino veniva arrestato ed accompagnato in caserma unitamente alla donna ed al minore, il quale veniva affidato alla sua famiglia residente a Orzivecchi. I genitori hanno dichiarato ai carabinieri che il 52enne, durante una visita di cortesia ai conterranei, si era offerto di andare a comprare dei dolci per il bimbo. La perquisizione dell’auto e nella casa del 52enne ha permesso di sequestrare 11 grammi di cocaina, 430 grammi di hashish, 2500 euro, moneta marocchina per 8.020 Dirhams e 2 bilancini di precisione. Il GIP del Tribunale di Brescia ha convalidato l’arresto disponendo i domiciliari presso l’abitazione di residenza in attesa del processo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare