Ultima chiamata per Montecampione

Montecampione si prepara alla scadenza del 30 settembre dopo che gli imprenditori Stefano Iorio e Matteo Ghidini hanno versato 350.000 euro, cifra che si erano impegnati ad investire per il rilancio della stazione sciistica.

Ora si guarda agli altri 250mila euro che devono essere raccolti entro il 30 settembre e che dovrebbero essere versati da commercianti, esercenti e proprietari di realtà immobiliari della stazione sciistica. Nel frattempo gli imprenditori Stefano Iorio e Matteo Ghidini hanno costituito la società MISAmontecampione, hanno versato quindi i 350mila euro promessi per coprire il 60% della ricapitalizzazione di Montecampione Ski Area. Ora entro il 30 settembre residenti, proprietari di seconde case, commercianti e operatori turistici dovranno raccogliere i 250mila euro per evitare il default della società che ha in gestione gli impianti di risalita e cominciare a programmare la stagione. Il Bim Vallecamonica ha già stanziato la cifra di 80.000 euro a fronte dell’ipotesi di rilancio della stazione con ulteriori investimenti. Mancano 5 giorni alla scadenza dell’offerta concreta al Curatore fallimentare. Intanto si susseguono riunioni frequenti sia ad Artogne che a Piancamuno tra tutti i soggetti interessati a far vivere quello che dal 1969 rappresenta un patrimonio turistico per tutta la Vallecamonica ed il Sebino.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché