bergamo beni culturali

Turismo, oltre 2 milioni di presenze nella Bergamasca

Sono più di 2 milioni le presenze turistiche registrate nel 2017 in provincia di Bergamo, di cui il 58 per cento sono rappresentate da stranieri e il 42 per cento da italiani. La realtà bergamasca si colloca al sesto posto nel panorama regionale dopo Milano, Brescia, Como, Varese e Sondrio. In Lombardia complessivamente le presenze sono state di 39 milioni, di cui il 61 per cento dovute dagli stranieri e il 39 per cento dagli italiani (Elaborazione Coldiretti Bergamo su dati ISTAT) . È quanto emerge dal report “I viaggi del gusto in Lombardia” diffuso dalla Coldiretti in occasione dell’assemblea regionale a Milano, che si è svolta alla presenza del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, del ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, dell’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi Fabio Rolfi, dell’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo, dell’assessore regionale al Territorio e Protezione Civile Pietro Foroni.

Oltre alle bellezze artistiche e naturalistiche, centrale nella motivazione delle vacanze sul territorio bergamasco è il cibo e la possibilità di degustare prodotti tipici e le eccellenze enogastronomiche

L’attenzione verso il cibo e il suo legame con il territorio è confermata anche dal boom delle vacanze in campagna in Bergamasca con il numero delle presenze dei viaggiatori italiani e stranieri negli agriturismi che in nove anni sono cresciute di oltre il 190%.

“Nel corso degli anni – spiega Alberto Bivio, Presidente di Coldiretti Bergamo – le aziende agrituristiche si sono strutturate e hanno puntato molto sulla qualità e la diversificazione della loro offerta e di fatto si sono rivelate delle finestre aperte sul mondo agricolo e sulle nostre tradizioni enogastronomiche, un importante tassello di comunicazione tra campagna e citta”.

In provincia di Bergamo le aziende agrituristiche sono 164 (su un totale regionale di oltre 1.650 aziende agrituristiche), 67 dispongono di alloggi e 145 offrono un servizio di ristorazione.

“Le aziende agrituristiche – spiega Paolo Vecchi, Presidente di Terranostra Bergamo – svolgono una importante azione di promozione del territorio e delle sue ricchezze. Chi viene da noi può assaggiare eccellenze gastronomiche a km zero e piatti della tradizione contadina, restando immersi nella natura a stretto contatto con bellezze naturali e culturali”.

Ricca è l’offerta dei prodotti certificati che si possono portare in tavola: 12 prodotti DOP (9 formaggi, 1 olio e 2 salumi), 26 prodotti agroalimentari tradizionali che si possono trovare esclusivamente sul territorio bergamasco, cui vanno aggiunti 14 prodotti che si possono trovare su tutto il territorio regionale e 5 prodotti che si possono trovare su tutto il territorio montano regionale, 1 vino DOGC, 1 vino IGT e 2 vini DOC.

“Questi tesori gastronomici – afferma Brivio – sono strategici perché esercitano un forte rischiamo sui turisti. Per quanto riguarda la promozione del nostro territorio dobbiamo tenere conto di questo aspetto visto che un terzo della spesa di italiani e stranieri in vacanza in Italia è destinato alla tavola, per il consumo di pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche. In Lombardia la spesa che in un anno i turisti stranieri dedicano alla tavola ammonta a oltre 800 milioni di euro”

Un contributo importante ai flussi turistici viene anche dalla Strada del Vino e dei Sapori della Valcalepio, che si estende su circa 100 chilometri lungo i quali è possibile degustare vini come il Valcalepio DOP e il Moscato Passito oppure formaggi come il Taleggio DOP, il Branzi, lo Strachitunt ma anche piatti tipici come i casoncelli e la polenta.

I TESORI GASTRONOMICI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

PRODOTTI DOP

Bitto

Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana

Gorgonzola

Grana Padano

Mortadella Bologna

Provolone Valpadana

Quartirolo Lombardo

Salva Cremasco

Strachitunt

Taleggio

Salamini italiani alla cacciatora

Salame Brianza

Olio Laghi Lombardi

PRODOTTI AGROALIMENTARI TRADIZIONALI ESCLUSIVI DEL TERRITORIO BERGAMASCO

Cotechino della bergamasca

Pancetta della bergamasca

Prosciutto crudo bergamasco “il botto”

Salame della bergamasca

Agrì di Valtorta

Bernardo

Branzi

Casolet

Fiurì o Fiurit

Formaggella della Val Camonica

Formaggella della Val di Scalve

Formaggella della Val Seriana

Formaggio Val Seriana

Lattecrudo di Tremosine

Robiola bresciana

Stracchino bronzone

Stracchino orobico

Burro di montagna

Farina per polenta della bergamasca

Tartufo nero

Torta orobica

Bertù

Casoncelli della bergamasca

Polenta e uccelli dolce

Scarpinocc

Torta del Donizetti

PRODOTTI AGROALIMENTARI TRADIZIONALI PRESENTI SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE

Luganega

Mortadella di fegato al vin bulè

Prosciutto cotto

Salame di filzetta

Salame Milano

Salamina mista

Verzini

Caprino a coagulazione lattica

Caprino a coagulazione presamica

Caprino vaccino

Fontal

Burro

Miele

Ricotta artigianale

PRODOTTI AGROALIMENTARI TRADIZIONALI PRESENTI SU TUTTO IL TERRITORIO MONTANO REGIONALE

Formaggio d’Alpe grasso

Formaggio d’Alpe misto

Formaggio d’Alpe semigrasso

Nostrano grasso

Nostrano semigrasso

VINI DOC, DOCG,IGT

Moscato di Scanzo o Scanzo DOCG

Terre del Colleoni o Colleoni DOC

Valcalepio DOC

Bergamasca IGT

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare