Campana Anfurro.jpg

Trovata a Esine la campana rubata ad Anfurro

Sepolta sotto mezzo metro di terra in un giardino di una casa privata di Esine è stata trovata la campana di bronzo rubata ad Anfurro di Angolo Terme nel febbraio del 2013. I Carabinieri di Artogne hanno trovato e riportato alla luce il prezioso bronzo del 1830 scomparso quasi sei anni fa e un 50enne, incensurato, è stato denunciato per ricettazione.

Secondo gli inquirenti avrebbe commissionato il furto forse pensando di poter rivendere la campana sul florido mercato nero dell’arte. Ma l’affare non si è mai chiuso e la campana, seppellita nel giardino, era rimasta sepolta fino a questo martedì 4 dicembre quando i Carabinieri di Artogne coordinati dal comandante Massimiliano Addonisio sono giunti alla villetta di Esine e con un metaldetector hanno scoperto il nascondiglio. Una volta riportata in superficie, la campana è stata confrontata con le fotografie del bronzo dove è riportata l’incisione della data di produzione e l’inconfondibile crepa che l’aveva trasformata in una campana stonata. Ora la campana verrà restituita alla Chiesa di Anfurro. Dopo la sparizione, la gente del paese che aveva promesso una ricompensa a chi avesse ritrovato o restituito la campana. Il colpo era stato messo a segno nella notte tra il 16 e il 17 febbraio 2013. La campana, dopo essere stata sganciata dalla torre campanaria, era stata posizionata all’esterno del centro giovanile diventando un piccolo monumento fino a quando era sparita: ora verrà restituita alla Parrocchia.

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”