Giochi di una Volta Zogno22

Trottole, biglie e fantasia Tornano i giochi di una volta

Possiamo imparare ai nostri figli a giocare come una volta? È partendo da questo interrogativo che domenica 20 maggio nel centro storico zognese si terrà l’iniziativa dedicata ai giochi di una volta, promossa dall’Assessorato al Turismo e al Commercio del Comune di Zogno. Ci saranno trottole, biglie, il gioco delle cinque pietre, e non mancheranno cerbottane, raganelle e campane. Insomma, proprio i giochi di una volta, quelli dei nostri nonni, saranno oltre 60 e tutti da provare.

Un divertimento pensato davvero per tutta la famiglia, bello ma anche e soprattutto costruttivo e capace di far ri-scoprire ai bambini di oggi come si divertivano un tempo i nostri nonni, e trarre divertimento da materiali apparen-temente non più utilizzabili ma che – uniti ad un pizzico di ingegnosità –, potrebbero diventare un simpatico giocattolo con il quale trascorrere più di qualche momento spensierato. 

Durante tutta la durata l’evento, dalle ore 10 alle 18, nel centro storico, saranno presenti anche degli animatori in costume. «L’iniziativa – ha spiegato l’assessore delegato al Turismo e al Commercio del Comune di Zogno Giampaolo Pesenti –, è nata e si sta sviluppando negli anni con l’obbiettivo di tenere vivi nella memoria i giochi e giocattoli dimenticati, attraverso delle giornate dedicate proprio alla loro valorizzazione. Giornate – aggiunge Pesenti – per divertirsi con semplicità, rispettando l’ambiente, e al tempo stesso preservare le nostre antiche tradizioni. È questo lo spirito dell’iniziativa dei giochi di una volta».

 

FOTO VALBREMBANAWEB


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”