esercito 1 info

Treni e stazioni, situazione pericolosa. E la Regione pensa ai militari

“Quello della sicurezza sui treni è uno dei primi temi che sottoporremo al management di Fnm e quindi a Trenord”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, commentandol’aggressione subita da un capotreno e un poliziotto su di un convoglio diretto a Lecco. “A loro – ha detto – esprimo tutta la solidarietà mia e della Giunta. E’ indispensabile rafforzare la collaborazione con le Forze dell’ordine e con chi gestisce il servizio proprio perché vogliamo garantire trasporti non solo efficienti, ma anche sicuri”.

Secondo l’assessore però se anche un rappresentante delle Forze dell’ordine viene aggredito così brutalmente ad opera di soggetti che si sentono liberissimi di fare quello che vogliono sul nostro territorio, tutti questi sforzi potrebbero non bastare. “E forse lì sta il vero problema – ha aggiunto – e cioè nel fatto di non avere un controllo a 360 gradi e la convinzione di queste persone di poter delinquere senza doverne poi rispondere a nessuno”.

OK AI MILITARI SUI TRENI – In merito all’ipotesi di far salire anche sui treni i militari, l’assessore ha detto che “è sicuramente un’idea cui tutti stiamo pensando, ma è necessario discutere con chi rappresenta le Forze dell’ordine. Attiveremo un Tavolo di confronto con le prefetture, le questure, le Forze dell’ordine e le aziende in modo da trovare una soluzione”.  “Qualcosa si deve fare, non si può proseguire in questo modo”. Il presidente della Regione Lombardia ha risposto così a chi gli ha chiesto un commento circa la possibile presenza dei militari sui treni e nelle stazioni. “E’ una proposta che stiamo valutando. La situazione è pericolosa per i cittadini, per chi viaggia, per i controllori e in genere per chi lavora in questo settore. Ne ragioneremo – ha concluso – con chi di competenza”.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”