Tavernola: modesto rallentamento del fenomeno, ma l’allerta rimane massima

Sempre massima allerta per il grande movimento franoso a Tavernola, sopra il cementificio. Dopo il sopralluogo di sabato in elicottero, il docente di geologia applicata e responsabile del centro di competenza del Dipartimento Nazionale della protezione Civile, Nicola Casagli, è in contatto con Regione Lombardia e con Sergio Santambrogio, il geologo incaricato dai tre Comuni di Tavernola, Parzanica e Vigolo, per verificare gli spostamenti del Monte Saresano che rischia di cadere sul cementificio e finire nel lago.

Il monitoraggio della situazione è continuo, in attesa che il Centro Operativo Misto (istituito presso la Com. Montana del Sebino Bresciano e coordinato dalla Prefettura di Brescia) aggiorni la cittadinanza sui piani di emergenza comunali e sui modelli di rischio. Incrociando i dati forniti dai radar collocati sulla frana, con la Prefettura di Bergamo, è emerso un modesto rallentamento del fenomeno e, per il momento, sembrano essere assenti quei tipici segnali che solitamente annunciano una frana imminente.

monte saresano tav

Resta comunque necessario aggiornare la pianificazione di emergenza per elevare maggiormente le difese a tutela del territorio. Ieri pomeriggio ha eseguito un sopralluogo anche l’assessore regionale al Territorio e Protezione Civile, Pietro Foroni. Serviranno ulteriori valutazioni per decidere come intervenire. Per ora non ci sono elementi specifici, ma se si dovesse verificare l’ipotesi peggiore la popolazione andrà messa tempestivamente in sicurezza. Per sicurezza, le case più a ridosso e il cementificio sono stati evacuati e il Comune di Montisola ha evacuato una parte della popolazione in una frazione potenzialmente a rischio.

Entro domani, mercoledì 3 marzo, grazie agli studi dovrebbe essere fornita una visione completa delle dimensioni della frana e dei relativi sviluppi futuri. Entro venerdì, invece, si dovrebbe poter disporre dei primi modelli di simulazione sull’ipotetica onda anomala.

F.M.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in