Madre Raffaella Pedrini terza da sinistra con il nuovo Consiglio delle Orsoline di Gandino

Suore Orsoline, il Capitolo conferma madre Raffaella Pedrini

“Perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10.10). Le parole del Vangelo di Giovanni hanno fatto da guida a Gandino al XIX Capitolo generale delle Suore Orsoline di Maria Vergine Immacolata, tenutosi nel convento di via Castello a partire da domenica 15 luglio. Dopo la prima settimana di lavori le suore capitolari (una quarantina, provenienti da Italia, Polonia, Eritrea, Etiopia, Kenya, Sud Sudan, Argentina e Brasile), hanno eletto la Superiora generale madre Raffaella Pedrini e il suo Consiglio, formato dalla Vicaria suor Gemma Boschetto e da altre tre consigliere: suor Stefania Testa, suor Scolastica Valli e suor Tsehay Tessema. Madre Raffaella con la Vicaria suor Gemma e la consigliera suor Tsehay sono state riconfermate per un secondo sessennio, mentre le altre sono di nuova nomina. Esse costituiscono il governo centrale dell’Istituto, formato da circa 400 suore, novizie e postulanti.

Il primo Capitolo generale delle Suore Orsoline si tenne il 19 maggio 1909 nella Casa Madre di Gandino. Fu presieduto da mons. Giacomo Maria Conte Radini Tedeschi, Vescovo di Bergamo. Sempre nella Casa Madre di Gandino si tennero anche i due Capitoli generali successivi, quello del 1915 (7 giugno) e quello del 1921 (28 luglio). Successivamente il Capitolo si tenne a Bergamo sino al 1964 ed a Scanzorosciate dal 1969 al 2006. Dal 1909 al 1964 il Capitolo veniva presieduto dal Vescovo diocesano, assistito da un Vicario delegato alla cura degli Istituti religiosi. Aveva un compito puramente elettivo, cioè quello di eleggere la Madre generale e il suo Consiglio, l’Economa e la Segretaria.

“Il Capitolo – sottolineano le suore in una nota – è oggi per noi Orsoline un momento di Grazia, una convocazione del Signore, una specie di Giubileo che Dio regala ogni sei anni all’Istituto per il rinnovamento della sua vita e della missione evangelizzatrice della Chiesa nel mondo. Le trentanove delegate provenienti da tutte le aree geografiche in cui è presente l’Istituto, si sono ritrovate nella casa madre di Gandino sin dal 9 luglio, per celebrare la loro unità fraterna guidate da monsignor Antonio Donghi negli esercizi spirituali”.

Domenica 15 luglio, dopo la S.Messa solenne nella chiesa di san Mauro annessa al Convento, presieduta dal Vicario generale mons. Davide Pelucchi e dal prevosto di Gandino don Innocente Chiodi, le suore capitolari si sono recate processionalmente nell’auditorium del convento per dare inizio all’assemblea capitolare. Domenica 22 luglio l’elezione di madre Raffaella Pedrini e del Consiglio, con successiva celebrazione di ringraziamento in Basilica.

L’assemblea, fino al 29 luglio sarà impegnata nel discernere la situazione presente, con le molteplici sfide che i vari contesti nazionali presentano, in vista della progettazione per un futuro che ridoni nuovo vigore a tutte le comunità. La solenne celebrazione eucaristica di domenica 29 luglio, alle ore 10.30, nella Basilica di Santa Maria Assunta in Gandino, sarà presieduta dal Vescovo di Bergamo mons. Francesco Beschi a conclusione del Capitolo generale “Ora – concludono le suore – tornando nelle proprie terre, ogni Orsolina si sente ancora più responsabile del seme che, gettato a Gandino duecento anni fa, è passato di mano in mano moltiplicandosi e portando abbondanza di vita per tutti, come è significato nella citazione del Vangelo di Giovanni e nel logo del Capitolo disegnato da don Carlo Tarantini”

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare