sant omobono terme

Stati Generali della Montagna alle Terme di Sant’Omobono, nuove prospettive per la montagna


Penultimo incontro degli Stati generali della montagna: sabato 24 giugno alle ore 14.30 alle Terme di Sant’Omobono per parlare di nuove prospettive per vivere in montagna e riflettere su nuovi modelli di sviluppo agricolo rurale. Rafforzare l’identità culturale delle valli bergamasche attraverso la promozione delle peculiarità del paesaggio rurale e delle produzioni delle filiere agroalimentari, queste le strategie vincenti che sono state proposte per sviluppare le comunità locali che dovranno diventare sempre più consapevoli, coese e solidali. Con queste premesse si intende avviare un ciclo virtuoso che aiuti a invertire la tendenza degli ultimi anni al progressivo svuotamento e marginalizzazione della montagna.


[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=Z7eXfrznlVk” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”yes”][/bt_youtube]


“La sfida che ci siamo posti nell’organizzare insieme alle 5 comunità montane e al Cai gli Stati generali è stata proprio quella di iniziare a lavorare per cambiare pagina e poter dare un futuro alla gente della nostra montagna, colpita da grave crisi e da difficoltà legate al cambiamento di paradigma produttivo degli ultimi decenni. Siamo davvero soddisfatti della grande partecipazione di istituzioni e realtà locali agli eventi degli Stati generali. Da molti contributi emerge desiderio di rappresentanza e grande sensibilità sui temi dello sviluppo e dell’identità territoriale”, dichiara il presidente della Provincia Matteo Rossi.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché