soap

Soap box rally 2018 ABF CFP di Trescore Balneario gareggia al fianco delle donne

Il Centro di formazione professionale di Trescore Balneario parteciperà anche quest’anno al “Soap Box Rally” di Bergamo, in programma il 29 aprile, con quattro macchinine di legno costruite dagli studenti dei corsi professionali. Niente motore, solo genialità, un pizzico di follia e la forza propulsiva dell’energia creativa degli allievi.

Per questa edizione, gli studenti hanno voluto dedicare una particolare attenzione al tema della violenza sulle donne e hanno allestito la “Red Shoe”, uno dei quattro mezzi a tema con una scarpa rossa che primeggia sul cofano lucido. “Non vogliamo fare una rivoluzione, ma mandare un messaggio chiaro che riportiamo anche sulla nostra divisa di gara con la scritta NON SEI SOLA. Siamo con te donna, siamo dalla tua parte, contro ogni forma di violenza, nel rispetto e nel sostegno che ti è dovuto”, raccontano i ragazzi. Le altre tre macchine in gara sono state chiamate: “Bur”, “Sbiello ma non mollo” e “Off Road”.

IL VIDEO

[bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=mOyhlxE7oyk” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”yes”][/bt_youtube]

Il lavoro eseguito dai ragazzi rientra nella attività formativa del centro. “L’iniziativa – spiegano i docenti – ha come obiettivo stimolare i ragazzi nell’impegno e nell’applicazione delle competenze acquisite durante la formazione in aula concretizzando gli apprendimenti, il lavoro di squadra, lo spirito di sana competizione e l’approfondimento di temi sociali di rilevante importanza”. “Mi complimento con i nostri ragazzi di Abf che ancora una volta mettono in gioco le loro capacità per il territorio e scelgono di accompagnare il loro lavoro a un tema importante come quello della violenza di genere. La formazione professionale continua ad essere protagonista a 360 gradi”, sottolinea il presidente della Provincia Matteo Rossi.

“Soap Box Rally” è un evento storico che dal 1955 ogni anno vede affluire da tutta la provincia migliaia di persone per assistere alla discesa dalle Mura venete di Città alta di macchinine costruite artigianalmente dai partecipanti. “Noi ci siamo… per gioco, per sport e per passione!”, aggiungono i ragazzi.


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli