sicurezza

Sicurezza privata di estrema destra e armi illegali

Si identificavano come un’associazione dedita alla prevenzione e al contrasto della criminalità, ma operavano in regime di illegalità e con l’utilizzo illecito di armi e strumenti atti ad offendere.

Dopo la perquisizione della Digos all’associazione Brixia Blue Boys di Brescia, le indagini hanno portato a provvedimenti di perquisizione e sequestro a carico dell’associazione e dei suoi membri. 

La Brixia Blue Boys, orientata politicamente verso l’estrema destra, aveva fondato un proprio statuto dove si proponeva il fine ultimo di fornire aiuto e solidarietà ai bisognosi. L’obiettivo era concretizzato, con la partecipazione di associati, attraverso delle ronde, svolte da squadre organizzate fornite di vere e proprie uniformi, mai state omologate o autorizzate da enti preposti. L’associazione era organizzata secondo una struttura gerarchica.

La perquisizione ha portato al ritrovamento di diverse armi illegali: alcuni sfollagente, un fucile, armi da tagli e altri strumenti atti ad offendere. Sequestrato anche il vestiario utilizzato dagli associati. Nella parte interna delle giubbe utilizzate durante le “ronde” erano apposti vari simboli con riferimenti chiari al fascismo.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli