Cerca
Close this search box.

Si sgancia dall’elicottero il pesante esagono che ha il compito di trovare l’acqua

Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato di come la tecnologia abbia preso il sopravvento anche nella ricerca dell’acqua e delle falde acquifere. Dal bastone biforcuto si è passati all’esagono di metallo sorretto da un elicottero. Ma come ricordiamo ogni tanto ai denigratori dell’artigianato e dell’usato garantito “il lavoro artigianale di Noè ha salvato l’umanità dal diluvio universale mentre l’alta tecnologia riversata sul Titanic non ha impedito la tragedia mandandolo a cozzare contro un iceberg”.

E’ un po’quello che è accaduto stamane quando l’esagono ricercatore ha urtato i cavi dell’alta tensione ed è finito nei prati nei pressi dell’ inceneritore di Brescia. Il sistema è stato messo sotto sequestro. L’obiettivo dei sorvoli dell’elicottero è quello di cercare falde acquifere e sorgenti nel sottosuolo, grazie alla potente antenna dalla forma esagonale il cui segnale può arrivare fino a 350 metri sotto terra e che si è staccata.

Condividi:

Ultimi Articoli

Luigi Ravasio. Le regole dell’astrazione

Sarà aperta domenica 21 aprile presso la Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere (Bg) la mostra “Luigi Ravasio. Le Regole dell’astrazione”. La mostra nasce dalla donazione