carabinieri 2

Sfascia la macchinetta cambiamonete e ruba il denaro

Un romeno di 29 anni ha sfasciato una macchinetta cambiamonete difettosa e si è impossessato del denaro delle slot: è accaduto questa domenica 22 settembre in serata a Darfo B.T.

Il giovane stava utilizzando un cambiamonete che però si era bloccato: a quel punto si è messo ad urlare e si è scagliato contro la macchinetta sfasciandola e impossessandosi di tutti i soldi che erano all’interno. E” accaduto in un bar di Darfo quando l’uomo, dopo aver trascorso tutta la giornata a giocare alle slot vincendo cento euro, aveva inserito le monete da uno e due euro nel cambiamonete per ottenere il controvalore in banconote. La macchinetta, però, si era inceppata. Arrabbiato, il 29enne si era rivolto alla barista per chiedere spiegazioni. La donna aveva subito contattato il responsabile della ditta di distribuzione delle slot, che le aveva risposto che sarebbe passato solo la mattina seguente per una verifica. A quel punto il romano era scoppiato in insulti e la barista, preoccupata era corsa ad avvertire il proprietario dell’esercizio commerciale e aveva chiamato i Carabinieri. Nel frattempo, sotto gli occhi delle telecamere, il 29enne aveva danneggiato il macchinario, fatto sparire i 300 euro che c’erano all’interno ed era scappato. Sul posto erano arrivati poco dopo i Carabinieri della stazione di Darfo e il proprietario del locale. Il 29enne, che era stato inseguito dalla barista, è stato bloccato e sottoposto a perquisizione dai Militari dell’Arma che gli hanno trovato addosso i 300 euro rubati: a quel punto era scattato l’arresto: il giudice ha convalidato l’arresto ma lo ha rimesso fuori a piede libero in attesa del processo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La leggenda della Sarneghera

La leggenda della Sarneghera narra la storia di una giovane fanciulla di Monte Isola, promessa sposa di un nobile della Franciacorta. La ragazza, però, non