Lovere

Settimana Classica a Lovere

 

Inaugurata questo giovedì 7 aprile a Lovere la settimana della cultura classica con 13 rappresentazioni a cura di 9 licei italiani, la presenza di Lucilla Giagnoni e Fiammetta Fazio, la compagnia teatrale “Quelli di Grock”, una giornata di studi ed un convegno, il tutto sottolineato da una splendida mostra didattica presso l’Atelier Tadini. Il Decio Celeri di Lovere quest’anno propone la tragedia “Le Supplici” di Eschilo che apre e chiude la rassegna. Ogni sera spettacolo gratuito per il pubblico al Crsytal. Le Supplici di Eschilo è la tragedia scelta dai ragazzi del Decio Celeri di Lovere per aprire e chiudere la decima edizione della settimana della cultura classica a Lovere, da giovedì 7 a sabato 16 aprile. Si tratta di un appuntamento al quale il polo liceale conferisce notevole importanza sia sul piano formativo che della crescita culturale e civica degli studenti. Quest’anno il teatro Crystal sarà aperto anche la sera gratuitamente per ospitare il pubblico che potrà seguire spettacoli di ottimo livello vedendo in primo piano i ragazzi che tanto hanno lavorato nella scuola per realizzarli. L’iniziativa della settimana della cultura classica rappresenta una forma didattica moderna e coinvolgente alla quale gli studenti dedicano notevole energia, come dimostrazione concreta di un notevole coinvolgimento. Il programma prevede 13 rappresentazioni a cura di 9 licei italiani, la presenza di Lucilla Giagnoni e Fiammetta Fazio, la compagnia teatrale “Quelli di Grock”, una giornata di studi ed un convegno, il tutto sottolineato da una splendida mostra didattica presso l’Atelier Tadini. Il Decio Celeri di Lovere quest’anno propone la tragedia “Le Supplici” di Eschilo che apre e chiude la rassegna. Ogni sera spettacolo gratuito per il pubblico al Crsytal.

 

 

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare