CC Forestali Caffaro.jpg

Sequestarate aree pericolose a Brescia

Lunedì 23 dicembre a Brescia i militari del gruppo Carabinieri forestale di Brescia in collaborazione con personale arpa dipartimento di Brescia davano esecuzione a decreto di sequestro probatorio delegato dalla Procura di Brescia di 3 capannoni corrispondenti ai reparti “perborato di sodio”, “silicato”, “cloruro ferrico” e “cloroparaffine” di cui allo stabilimento chimico Caffaro di via Nullo, al civico 8, in città.

L’area rientra nei siti di interesse nazionale (sin) con decreto del 24 febbraio 2003 del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. Durante le operazioni i militari hanno trovato all’interno ulteriori capannoni in stato di abbandono, numerose cisternette ibc (intermediate bulk container) contenenti rifiuti anche pericolosi quali acido solforico diluito, soda esausta, resine etc nonché numerosi rifiuti di tipo raee. I militari pertanto hanno proceduto ad ulteriore sequestro probatorio d’iniziativa con apposizione di sigilli su 25 capannoni e circa un centinaio di cisternette e fusti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli