Scopri tutto il meglio della Danimarca

L’Effetto Noma ha rivoluzionato la scena food, trasformando la Danimarca in una vera e propria meta gastronomica vincendo quattro volte il premio di World’s 50 Best Restaurants sponsorizzato da S.Pellegrino.

Un Paese dinamico e innovativo. L’Effetto Noma ha rivoluzionato la scena food, trasformando la Danimarca in una vera e propria meta gastronomica. Da quando il Noma di René Redzepi ha fatto entrare Copenhagen nella mappa degli amanti della cucina gourmet, vincendo quattro volte (tra il 2010 e il 2014) il premio di World’s 50 Best Restaurants sponsorizzato da S.Pellegrino, la città è capitale gastronomica europea.

L’attuale stile culinario di Copenhagen si potrebbe definire post nordico: una versione più semplice della New Nordic food revolution ispirata da Redzepi. Una cosa è certa: si punta sempre su prodotti locali e originalità. La città vanta 18 stelle Michelin in 15 ristoranti ma quello che i turisti amano di più è la varietà: street food, pop-up truck, street giga cura dei migliori chef al mondo. Gli street chef di talento amano lavorare sulle proposte più semplici, magari personalizzando il pane all’avocado o rivisitando i grandi classici come lo smørrebrod (il tipico panino aperto). Nella città delle 600.000 biciclette, gli hotspot sono a Kødbyen (il meatpacking district), attorno al mercato di Torvehallerne (in centro), oppure a Nørrebro (a nord), dove troviamo le strade più cool e creative.

I grandi classici sono stati rivisitati in tantissimi modi. Prendiamo per esempio il pane di segale. Da quando è stato introdotto dai vichinghi, agli abitanti di Copenhagen piace farcirlo con qualsiasi tipo di cibo, ma sempre con po’ di creatività: pesce, carne, formaggio e uova, con una varietà infinita di topping. Altra deliziosa ossessione sono le aringhe, spesso servite affumicate o marinate. Nell’isoletta di Christianø a largo di Bornholm si trova la migliore aringa marinata del mondo, spesso proposta anche dai ristoranti stellati. La ricetta originale del mix di spezie è stata portata in Danimarca da un marinaio di ritorno dall’Asia: ancora oggi il segreto di questa marinatura è custodito gelosamente e si dice includa chiodi di garofano e cannella.

Quando si parla di Copenhagen e di Danimarca, non si può dimenticare Hans Christian Andersen: anche il leggendario creatore della Sirenetta e della Principessa sul pisello era un foodie e soprattutto un grande appassionato di dolci… infatti ha sofferto di mal di denti per tutta la vita.

 


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in