Scoperto a Montecampione un masso preistorico istoriato

La Valle Camonica straripa di ricchezze antropologiche. Ai tesori noti in tutto il mondo che sono le incisioni rupestri, si aggiunge anche un’eccezionale scoperta avvenuta ad Artogne, che potrebbe diventare uno dei centri archeologici più interessanti della bassa Valle Camonica. In zona Montecampione è stata individuata una pietra posta sulla cima Campione a 1830 metri di altezza su cui è incisa una figura antropomorfa con braccia alzate, del tutto simile a quelle che caratterizzano la zona di Capo di Ponte. La scoperta fatta dal professor Ausilio Priuli, è frutto però di una segnalazione di un giovane di Pezzase, Massimo Piotti. Una prima datazione del professore la collocherebbe “almeno” all’età del bronzo, ovvero del secondo millennio avanti Cristo. La posizione è incredibile per essere una figura isolata: vi è un dettaglio importante di questa figura che sarebbe di sesso maschile, ma che vede due punti ai lati del busto che potrebbero rappresentare il seno. Potrebbe trattarsi di un maschio e di una femmina contemporaneamente, il che potrebbe portare alla conclusione che si tratti di un essere superiore, come una sorta di divinità.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli