Carabinieri tentati suicidio

Scoperto a Botticino morto in casa da giorni


Morto in casa probabilmente da giovedì 11 agosto un 58enne di Botticino: pare si sia trattato di un malore, ma indagano i Carabinieri della Scientifica.

Nel primo pomeriggio di giovedì 11 agosto, intorno alle 14,30, i carabinieri hanno trovato un uomo di 58 anni nel proprio appartamento in una palazzina di via Michelangelo a Botticino: l’uomo si chiamava Ivano Anni e viveva da solo. Il suo corpo è stato rinvenuto dopo che un’inquilina, residente al piano di sotto rispetto a quello del 58enne, si era insospettita per la troppa calma e vari odori. Il fatto che il condizionatore andasse avanti senza sosta nonostante il caldo non eccessivo e che non ci fossero i classici rumori di camminate e movimenti abitudinari da alcuni giorni, hanno spinto la donna ad allertare i carabinieri. Durante la settimana la coinquilina aveva chiesto anche agli altri vicini e all’amministratore, mentre nel parcheggio c’erano ancora i mezzi del 58enne. Quando le forze dell’ordine hanno raggiunto il piano, la porta di casa era aperta. Di fatto, quindi, si è aperto un giallo. Inutile l’arrivo delle ambulanze, visto che ormai l’uomo era morto da più giorni. Sul posto sono arrivati anche gli esperti della Scientifica per rilevare tutte le tracce, mentre il corpo dell’uomo è stato recuperato per essere sottoposto all’autopsia. Anche se sembra escluso si sia trattato di omicidio. Al contrario, un malore potrebbe averlo colpito all’improvviso mentre usciva o rientrava e la porta sarebbe rimasta aperta per giorni.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché