Scioperi spontanei per la sicurezza

Scioperi spontanei in alcune fabbriche di Brescia che non hanno chiuso la produzione, con gli operai che chiedono maggiori tutele dal punto di vista sanitario alla luce dell’emergenza da coronavirus (Foto: Ansa/Giornale di Brescia).

Gli operai di alcune aziende bresciane chiedono la sospensione dell’attività per 15 giorni; il segretario della Cgil di Brescia Francesco Bertoli ha dichiarato che “…ci sono aziende sono aziende anche grandi che sis ono fermate, mentre altre che per motivi di commesse legate a penali, sono in difficoltà e non possono sospendere la produzione. Il nostro obiettivo è quello di riuscire ad ottenere quantomeno delle riduzioni di orario per garantire la sicurezza agli operai…”. In molte aziende fortunatamente non si registrano al momento casi di contagio tra dipendenti, ma è palpabile una crescente situazione di allarme sociale e preoccupazione che da un lato rende sempre più difficili gli approvvigionamenti di materia prima e dall’altro sguarnisce le squadre con gravi rischi per la sicurezza dei lavoratori e la tutela degli impianti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli