San Simone: CasaPound contro il trasferimento dei profughi, «Impatto nefasto sul territorio»


A San Simone prosegue la grande sostituzione“. È la frase che si legge sullo striscione affisso da CasaPound Italia Bergamoa Valleve, dopo l’arrivo di 50 richiedenti asilo. “Le valli bergamasche – ricorda una nota di Cpi – soffrono sempre di più la disoccupazione e uno stato di abbandono da parte delle istituzioni, che ne stanno determinando lo spopolamento. Di fronte a questa situazione c’è chi, come il proprietario dell’unico albergo di San Simone, pensa di infilarsi nel business dell’accoglienza per ricavarsi la sua fetta di profitto”.

“In questo modo però – prosegue il movimento – si colpiscono direttamente le famiglie che vivono dell’indotto del turismo e, di conseguenza, si mette a rischio l’intero tessuto sociale di questa zona. Come capita sempre con il traffico di uomini, per pochi che troveranno il loro tornaconto molti pagheranno un prezzo salatissimo”.

“San Simone è per lo più composta da case vacanze e insieme al paese di Valleve conta 135 abitanti: non può sostenere l’accoglienza di questi 50 profughi, a cui probabilmente seguiranno altri in futuro. Oltre a danneggiarne il turismo, una delle principali fonti di reddito della zona, in questo modo rischia di mettere in atto in breve tempo una vera e propria sostituzione etnica”.

 


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare