aeroporto caravaggio orio al serio

Riaperto l’aeroporto di Bergamo. Ma non ci sono voli

Con il decreto del 5 maggio è stata conferita agli scali lombardi l’autorizzazione a riprendere l’attività. Ma le restrizioni sugli spostamenti restano, la domanda di viaggi è totalmente azzerata e i vettori stranieri non hanno intenzione di riprendere ad operare a queste condizioni, perché significherebbe trovarsi in una posizione di perdita netta. Infatti, la stessa Sacbo, la società di gestione dell’impianto di Bergamo, ha precisato con una nota che “l’aerostazione è interdetta al pubblico, sarà aperta solo in concomitanza con la riattivazione dei voli e l’accesso sarà soggetto a limitazioni, nel rispetto delle normative vigenti sui controlli e sul distanziamento sociale“. La conferma viene dal fatto che i primi voli disponibili sul sito di Ryanair in “partenza da Bergamo” e in “direzione Bergamo” si possono prenotare dal 22 maggio.

Inoltre, l’Italia è l’unica Nazione in Europa ad imporre l’obbligo del distanziamento sociale a bordo. Questo significherebbe il dover lasciare libero il sedile centrale per garantire un metro di spazio tra gli individui, un ulteriore disincentivo per le compagnie low cost.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lombadia, ancora alto il numero di decessi

Aggiornamenti relativi ai dati pubblicati sabato 30 maggio. In totale in Lombardia sono stati eseguiti 88.758 tamponi positivi dall’inizio dell’epidemia, 221 in più di venerdì. I