Galleria Giovanni Paolo II.jpg

Riaperta la galleria Giovanni Paolo II sulla ss42

E’ rimasta chiusa per oltre nove ore la galleria Giovanni Paolo II in territorio di capo di Ponte-Sellero- Berzo Demo sulla statale 42 questa domenica 30 settembre.

La galleria è stata riaperta poco dopo le 15: ra stata chiusa attorno alle 6 dopo che un automobilista di passaggio aveva segnalato la presenza di fumo al suo interno. Il problema di un’anomalia è stato rilevato anche dall’impianto antincendio controllato da remoto dalla centrale operativa di ANAS di Lecco che ha inviato sul posto i tecnici che però non hanno rilevato problemi. Lo stesso referto era stato fornito dai vigili del fuoco di Darfo ed Edolo. Non riuscendo a risalire alle cause, era dunque scattata la chiusura delle gallerie, prima con la presenza di pattuglie dei carabinieri di Cedegolo e Capo di Ponte poi con transenne che hanno fatto deviare il traffico lungo la vecchia statale 42 all’altezza di Forno Allione nel comune di Berzo Demo per chi scendeva e all’imbocco della galleria a Capo di Ponte per chi saliva. Finalmente dopo aver controllato anche le telecamere che tengono monitorato il traffico è stato appurato che poco prima dell’allarme era transitata in galleria un’auto che faceva molto fumo, che probabilmente è ristagnato per un po’ nel tunnel. Da qui l’allarme dato dall’automobilista e la mobilitazione conseguente. Finché non si è verificato che tutto fosse nella norma non è stato possibile riaprire la Giovanni Paolo II, lunga ben 5.700 metri, dotata dei più moderni impianti di controllo e monitoraggio del traffico veicolare, che permettono di garantire elevati standard di sicurezza, anche grazie ad un sistema di controllo e di supervisione diretta da parte del Centro Operativo dell’Anas.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare