Carabinieri teste di cuoio

Reparti speciali dei Carabinieri per un oscuro episodio a Brescia

Ore che hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco per domare le fiamme propagate da un veicolo all’altro a pochissima distanza dall’abitazione, bilancio finale delle escandescenze di cui si è reso protagonista Nicola Alberti.

L’uomo abita poco lontano dalla casa in cui vivono il padre attualmente in vacanza, la nonna e il fratellastro: nel pomeriggio di mercoledì 5 settembre si è presentato in casa e ha iniziato a discutere con il fratellastro. La lite è stata particolarmente pesante alla presenza anche della nonna che si è sentita male. Nell’abitazione l’uomo si è impossessato di alcuni dei fucili da caccia legalmente custoditi e, dopo aver dato fuoco all’auto del fratellastro, si è allontanato portando con sé due fucili, insieme a un coltello, dandosi alla fuga nei campi, ma poco dopo si è costituito andando dai carabinieri della stazione di Nuvolento. Nel frattempo in via Patuzza sono giunti i vigili del fuoco ed i carabinieri dei reparti speciali, della stazione di Nuvolento e del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Brescia. Proprio i carabinieri del radiomobile, quando la situazione si è calmata hanno potuto passare al setaccio l’intera zona. Sono stati quindi ritrovati i due fucili ed il coltello asportati dall’abitazione del fratellastro e della nonna, ma nella zona i carabinieri hanno rilevato anche diverse macchie di sangue. In caserma, a Nuvolento, l’uomo è stato interrogato, mentre in via Patuzza tornava la calma.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Nasce il Monopoly in Versione Bergamo

Il Comune di Bergamo ha annunciato attraverso la propria pagina Facebook una collaborazione con il gioco in scatola più famoso del mondo. “Abbiamo concesso l’utilizzo