Refurtiva Leno RAME

Recuperata un’auto e ritrovato rame rubato

I Carabinieri della Pianura bresciana intensificano i controlli del territorio in occasione delle prossime festività: recuperano un’autovettura rubata e denunciano per ricettazione di rame un giovane rumeno.

L’aumento dei posti di controllo in occasione delle prossime festività pasquali nella fascia oraria pomeridiana e serale, finalizzata a prevenire il fenomeno dei reati contro il patrimonio, ha dato i suoi primi risultati. Nella giornata di lunedì 26 marzo nell’ambito di un servizio coordinato volto al controllo di tutti i veicoli in transito sulle principali arterie della bassa bresciana le pattuglie venivano impegnate in due diversi interventi. Nel primo episodio una Ford Fiesta, risultata successivamente oggetto di furto, giunta all’altezza dello snodo tra SP IX e tangenziale Ovest nel Comune di Flero, alla vista dei militari della Stazione Carabinieri di Bagnolo Mella si dava a repentina fuga, abbandonando il veicolo in località Fornaci, ormai chiusa anche da pattuglia della Compagnia Carabinieri di Brescia intervenuta in supporto. L’unico occupante si dava alla fuga a piedi per i campi facendo perdere le proprie tracce, mentre l’autovettura veniva restituita successivamente al legittimo proprietario. Nel secondo intervento una autovettura Volkswaghen Passat condotta da un rumeno classe 89 veniva sottoposta a controllo da parte della pattuglia della Stazione Carabinieri di Leno, sulla SP668 altezza Comune di Ghedi; nel portabagagli veniva rinvenuto 1 quintale di rame, del quale il giovane non forniva giustificazione. Successivamente si appurava che il rame era stato oggetto di furto all’interno di un cantiere edile nel Comune di Carpenedolo. Per tale ragione adesso il 29enne dovrà rispondere del reato di ricettazione.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare