Carabinieri controilli notte

Ragazzina danese stuprata dal branco a Manerba

Una ragazzina danese in vacanza in un campeggio della Valtenesi, sulla sponda bresciana dell’alto lago di Garda, ha denunciato di essere stata stuprata da un gruppo formato da quattro giovani all’esterno di un disco-pub a Manerba.

Il fatto sarebbe accaduto tra giovedì 12 e venerdì 13 luglio, ma è emerso solo in queste ore quando la ragazza ha raccontato la propria versione dei fatti ai carabinieri della compagnia di Salò che stanno indagando per ricostruire e accertare la dinamica, cercando di risalire agli autori dell’aggressione a sfondo sessuale. Si tratterebbe di un italiano e di altri tre stranieri, forse africani: i carabinieri sarebbero vicini all’identificazione grazie alle immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti sulla zona. La turista, scioccata ma lucida, ha raccontato agli investigatori che quella sera si trovava all’interno del locale della movida sul Garda. Poi avrebbe avuto uno scambio di parole con i quattro ragazzi, ma quando ha notato che cominciavano ad essere pesanti nel corteggiamento, avrebbe deciso di allontanarsi. All’esterno la ragazza si sarebbe trovata di nuovo di fronte al gruppo: i quattro l’avrebbero trascinata in un posto al buio e ne avrebbero abusato, per poi abbandonarla e fuggire. Sono stati altri ragazzi a notare la giovane in lacrime e con i vestiti strappati, chiamando quindi il 112 che ha inviato sul posto l’ambulanza del 118 che ha l’ha trasferita al Pronto soccorso dell’Ospedale di Desenzano dove è stata sottoposta alla visita medica. Da molti viene definita un’aggressione. I militari che stanno investigando vogliono avere anche la conferma che i quattro presunti stupratori fossero sul posto quella sera.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

In corso esercitazioni per il soccorso alpino

Continuano anche in questo periodo le esercitazioni per i tecnici del Soccorso alpino: l’attività, necessaria per mantenere l’addestramento e la formazione richiesti per l’esito positivo