PSR, al via bando misura 3.2.01. Dalla Regione un milione a disposizione


La Lombardia può contare su prodotti di qualità riconosciuti e apprezzati dal mercato e dai consumatori. La missione dei produttori oggi è quella di sostenere programmi adeguati di informazione e di promozione della qualità, per ottenere un ritorno economico adeguato e migliorare la presenza sui mercati. Sono questi gli obiettivi del bando della Misura 3, operazione 3.2.01 del Programma di sviluppo rurale, dedicata alla informazione e promozione dei prodotti di qualità”. Ad annunciare il bando, attivato lo scorso 19 maggio e aperto fino al 19 giugno 2017, è l’assessore all’agricoltura della Lombardia, Gianni Fava.

La dotazione finanziaria del bando è pari a 1 milione di euro. Possono partecipare: consorzi o associazioni di produttori biologici; consorzi di tutela dei prodotti Dop e Igp (con esclusione dei consorzi di tutela dell’olio Dop, i consorzi di tutela dei vini a denominazione riconosciuta); associazioni di produttori di “sistema di qualità di produzione integrata”; associazioni di produttori di “sistema di qualità nazionale zootecnia”. Per ogni domanda la spesa massima ammissibile a contributo è pari a 200.000 euro, Iva esclusa, mentre la spesa minima ammissibile è pari a 30.000 euro, Iva esclusa.

La domanda deve essere presentata esclusivamente per via telematica. Il bando, comprensivo di ulteriori informazioni, è stato pubblicato sul Burl del 18 maggio scorso ed è consultabile sul sito www.psr.regione.lombardia.it.

 


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

I dati del virus nella bergamasca

Stando all’ultimo monitoraggio diffuso dall’Ats, dal 19 al 25 gennaio in Bergamasca si sono contati 19.191 nuovi casi, contro i 20.969 della settimana precedente, ossia

Il giorno della memoria

Oggi 27 gennaio è il Giorno della Memoria, istituito per ricordare lo sterminio e la persecuzione del popolo ebraico e dei deportati militari e politici