Tribunale BS particolare

Processo il 6 marzo per le multe cancellate a Travagliato

Il comandate della Polizia locale di Travagliato accusato, insieme ad altre otto persone tra vigili e militari dell’Arma, di abuso d’ufficio, peculato e falso. ha liquidato il danno materiale e morale patito dal Comune, ha rinunciato ad impugnare il licenziamento e pagato le spese legali sostenute dall’Amministrazione.

Il 6marzo 2018 si concluderà l’udienza preliminare e gli sarà addebitato il resto che potrebbe portarlo a 2 anni e 6 mesi di reclusione. I fatti risalgono al triennio 2013 2015: secondo quanto ricostruito dagli uffici comunali gli indagati hanno cancellato multe o trattenuto per sé il pagamento delle contravvenzioni, per un importo che si avvicina attorno ai 30mila euro. Lo schema utilizzato dagli imputati, secondo quanto ricostruito dall’accusa, era semplicissimo: bastava inserire una scusa «di servizio» per passare un colpo di spugna su eccessi di velocità e divieti di sosta presi per ragioni che il pm Ambrogio Cassiani ritiene personalissime, con auto altrettanto personali. Il caso delle multe cancellate ebbe conseguenze pesantissime nei mesi in cui su Travagliato si accesero i riflettori della Procura. Una delle agenti incaricate di una indagine interna, commissionata da organi dell’amministrazione comunale, persona stimatissima e ben voluta non solo a Travagliato, si tolse la vita in quelle settimane di controlli. E non perché fosse stata raggiunta dal sospetto e dall’indagine che ha invece coinvolto i colleghi finiti ieri davanti al giudice dell’udienza. IL 6 marzo la vicenmda giudiziaria dovrebbe concludersi

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli