Patologia neonatale

Primo caso di nascita a Bergamo di gemelle siamesi

La mattina del 23 agosto all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono nate due gemelline siamesi unite all’altezza dell’addome e con un unico fegato. La mamma, una giovane italiana, e bimbe stanno bene anche se per le piccole la prognosi resta riservata.

Le bambine sono venute alla luce con un parto cesareo programmato alla 35esima settimana di gestazione: l’operazione è durata un’ora e venti minuti e i medici non si sbilanciano sulle prossime fasi del percorso terapeutico. Nessuno degli operatori presenti aveva assistito ad un parto siamese in precedenza: quindi nei giorni precedenti l’intervento tutte le operazioni sono state simulate più volte. In sala c’erano i ginecologi Nicola Strobelt, responsabile della Medicina materno-fetale del Papa Giovanni XXIII, Stefano Comotti, Luisa Patané e Marco Carnelli, gli anestesisti Maurizio Candiano e Chiara Viviani, e le ostetriche Bruna Pasini, Jessica Sangaletti e Maria Teresa Asperti. Immediatamente dopo la nascita, le bambine sono state assistite dagli operatori della Patologia neonatale guidati dal direttore Giovanna Mangili e dal suo vice, Maurizio Giozani, e dalle coordinatrici infermieristiche Vilma Ruggeri e Maria Fornoni. Le gemelline sono state sistemate in una culla termica realizzata appositamente per loro. Si tratta del primo caso di questo tipo al Papa Giovanni XXIII di Bergamo: le due gemelline sono nate con una parte di addome in comune, in particolare con una porzione di fegato. La nascita di due gemelli siamesi è un evento molto raro: nella letteratura scientifica si conta un caso ogni 200 mila nascite, e nel 75% dei casi le malformazioni conseguenti a questa condizione non permettono ai bimbi di sopravvivere.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di