Lago d'Iseo

Pollice in su da Legambiente per il Lago d’Iseo

Una sorpresa piacevole per il Lago d’Iseo. Nella giornata di martedì 2 luglio sono stati presentati a Castro i risultati del monitoraggio svolto all’interno del progetto “La Goletta dei Laghi”.Per la prima volta in 10 anni, tutti i campioni di acqua prelevati nel Sebino risultano entro i limiti di legge. A presenziare all’incontro la presidente di Legambiente Lombardia, il presidente del circolo Legambiente Alto Sebino, la responsabile della Goletta dei Laghi, la prima ricercatrice dell’Istituto Irsa Cnr ed il presidente del circolo Legambiente Basso Sebino. Microplastiche sulle spiagge, in acqua e l’inquinamento microbiologico sono state le tre fonti di indagine. Sono sette invece i punti monitorati dalla “Goletta”: tre sulla sponda bresciana (la foce del torrente Calchere a Sulzano, la darsena di Pisogne e Peschiera a Monte Isola) e gli altri quattro su quella bergamasca (la foce del torrente Rino, il canale dove c’è la spiaggia «Bar delle Rose», la foce del fiume Oglio e la foce del Borlezza a Castro). Tutti sperano che il risultato sorprendente non sia solo un caso, ma che sia il risultato del completamento ed ammodernamento delle infrastrutture del sistema di collettamento e depurazione. Per quanto concerne le microplastiche, la differenza di concentrazione a monte e a valle del depuratore di Costa Volpino è dell’81%, si necessita dunque di migliorare gli impianti di trattamento delle acque, invitare le attività commerciali presenti sul lago ad eliminare i materiali usa e getta e promuovere uno stile di vita più sostenibile.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”