Pisogne piange il maresciallo maggiore Fabrizio Gelmini

Dopo Claudio Polzoni, Bergamo piange anche un secondo carabiniere: Fabrizio Gelmini, 58enne di Sovere, che ha pagato la sua dedizione e il suo spirito di sacrificio nella lotta al virus che sta infestando l’Italia.

Il maresciallo Gelmini lavorava alla stazione dell’Arma di Pisogne nel Bresciano. La sua morte ha suscitato grande commozione e cordoglio sia a Pisogne, sia a Sovere, dove il militare dell’Arma abitava, era conosciutissimo e molto apprezzato. Alto Sebino in lutto, dunque, e si unisce al dolore della moglie e dei due figli, di 22 e 18 anni. L’Arma dei carabinieri ha espresso le proprie condoglianze per la morte di Gelmini: prima come carabiniere e successivamente come sottufficiale, è sempre stato impiegato nelle stazioni dei carabinieri. A quella di Pisogne era giunto nel 1994. Il comandante generale e tutta l’Arma si stringono compatti intorno al dolore delle famiglie dei militari.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Borno coinvolto nella GeoNight 2021

Cinque anni fa, in una dozzina di città francesi si celebrò per la prima volta la GeoNight, proposta dal Comitato Geografico Nazionale Francese (CNFG). Dal