Incidente Desenzano

Pilota della Navigarda muore in un incidente a Desenzano

Carlo Milanesi, 41anni, residente a Desenzano. Ha perso la vita poco dopo le 16.00 a causa di un terribile incidente stradale avvenuto lungo la strada provinciale 572 tra Moniga e Manerba in direzione Salò (foto: Giornale di Brescia).

Era in sella ala sua Honda Shadow ed ha centrato in pieno un’Audi A1 con targa tedesca che stava svoltando a sinistra per entrare da «Raf Statue» una boutique che vende ornamenti da giardino. Un attimo dopo lo scontro, Carlo era già in condizioni disperate. Il 41enne è stato rianimato per più di mezz’ora prima di essere trasferito d’urgenza al Civile, a bordo dell’elicottero, dove però è arrivato ormai senza vita. La dinamica dell’incidente è in fase di ricostruzione da parte della Polstrada di Desenzano. Stando alla prima ipotesi, Carlo era in fase di sorpasso quando l’Audi guidata da una turista tedesca 48enne di Ulm, ha svoltato a sinistra senza accorgersi della moto sul rettilineo. Per l’impatto, sia la Honda sia l’Audi sono carambolate oltre la carreggiata, dentro la siepe sul ciglio della strada. Milanesi ha centrato in pieno la fiancata della vettura prima di cadere rovinosamente a terra e perdere conoscenza, già in arresto cardiaco. La macchina dei soccorsi si è mossa rapida: la centrale operativa del 112 ha inviato sul posto due ambulanze dei Volontari del Garda e un’automedica. Vista la gravità della situazione da Brescia è subito decollato anche l’elicottero. Il personale sanitario ha fatto il massimo, ma per Carlo non c’è stato niente da fare. Ricoverata in ospedale a Desenzano, ma solo per accertamenti, anche la 38enne alla guida dell’Audi, illesa invece la passeggera al suo fianco. I mezzi incidentati sono stati posti sotto sequestro dalla Polstrada: per rimuoverli si è reso necessario l’intervento di una squadra dei Vigili del fuoco. Carlo Milanesi era molto noto in zona anche per il suo lavoro di pilota di motovane della Navigarda. Sgomento e cordoglio tra gli amici che, commentando sui social l’accaduto, fino alla fine hanno sperato che Carlo potesse farcela.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare