GTO

OUT 2018 prende forma, presentato il pool d’aziende

L’edizione 2018 di Orobie Ultra Trail prende forma. Se sotto l’aspetto tecnico-sportivo si presenta in continuità con le edizioni passate, con la sostanziale conferma del tracciato delle tre gare che compongono l’evento, grandi novità sono invece presenti per quanto riguarda i partner che supporteranno l’ultra-trail più tecnica delle Alpi.

Da quest’anno si è formato un Pool di aziende che hanno deciso d’investire su Orobie Ultra Trail con un progetto triennale, fornendo un sostegno che non è solo economico. È con grande piacere che comunichiamo i loro nomi – fanno sapere gli organizzatori tramite una nota -. Lo facciamo con orgoglio perché sappiamo che dietro la loro scelta non stanno solo meri calcoli economici, ma abbiamo riscontrato in essi soprattutto una grandissima passione per la corsa in montagna e un affetto per il territorio della provincia di Bergamo in generale. Chi investe in un evento come questo lo fa prima di tutto perché ha capito come Orobie Ultra Trail sia un’occasione per la provincia di Bergamo per crescere, per unirsi e anche – perché no? – per promuoversi all’estero. L’impatto che Orobie Ultra Trail ha sul territorio non è unicamente quello di mettere in movimento e spingere allo sport migliaia di atleti provenienti da tutto il mondo. Questi atleti hanno per esempio scoperto, e fatto scoprire anche a migliaia di altri escursionisti, il Sentiero delle Orobie e tanti altri scorci bergamaschi, ora assai frequentati durante tutto il periodo estivo e non solo. Immaginare le ricadute positive che tutto ciò ha sui rifugi (anch’essi resi visibili dal passaggio delle gare, in quanto utilizzati come punti ristoro) o sull’economia di paesi montani prima poco toccati dal turismo, è facile.

Il turismo che si crea è inoltre quello più ricercato dalle località, ossia quello consapevole e attento alla realtà in cui si muove. Orobie Ultra Trail promuove infatti un’educazione all’ambiente e all’ecologia, cercando di essere il più possibile a impatto zero sull’ambiente che la ospita, riducendo la produzione dei rifiuti (per esempio gli atleti devono portare con loro un bicchiere personale, in modo da azzerare lo spreco di bicchieri di plastica tipico di tutte le corse) e arrivando a curare lo smaltimento differenziato dei rifiuti perfino a oltre 2000 metri di quota. Si creano inoltre sinergie tra enti e realtà economiche diverse, tra comunità locali e mondi più grandi e lontani. Legami che si creano con facilità anche tra gli stessi runner, che vengono accumunati dalla forte esperienza di correre per così tanti chilometri in montagna.

I partner di Orobie Ultra Trail sono l’esempio di come l’economia sia virtuosa quando si creano relazioni e interconnessioni col territorio, quando non s’ignorano le proprie radici e il contesto in cui si lavora. Simbolicamente questo concetto, questo legame tra provincia e città, è rappresentato anche dai percorsi stessi di Orobie Ultra-Trail® e del Gran Trail delle Orobie, che collegano direttamente la montagna col capoluogo, i paesaggi naturali delle Orobie con la storicità degli edifici di Bergamo alta.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare