frode vallecamonica

Operazione “Vincolum”: frode milionaria in Valcamonica

La Guardia di Finanza di Pisogne, dopo mesi di indagini e riscontri contabili, ha concluso un’operazione a contrasto delle frodi fiscali scoprendo 2 società cartiere che, dal 2012 al 2016, hanno emesso fatture per operazioni inesistenti nel settore del commercio di rottami ferrosi per circa 19 milioni di euro.


L’indagine è stata battezzata “Vincolum” in quanto i soggetti coinvolti, tutti camuni, erano collegati da stretti vincoli familiari con lo scopo di garantire l’impermeabilità della struttura criminale. Il gruppo, che si avvaleva di compiacenti “prestanome”, come è consuetudine in tali tipologie di frode, consentiva di effettuare acquisti in nero a numerose società della provincia di Brescia.
In particolare i finanzieri hanno individuato 2 “società di comodo”, prive di qualsiasi consistenza patrimoniale e rappresentate da prestanome nullatenenti, che emettevano false fatture sia per “giustificare” gli acquisti in nero sia per abbattere i ricavi d’impresa.
I rappresentanti di diritto e di fatto delle diverse società coinvolte nella frode sono stati denunciati per l’emissione e l’utilizzo di fatture false e per distruzione e/o occultamento della documentazione contabile.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare