non di sola zappa

“Non di sola zappa”, progetto europeo per la “Scuola Alpina” di Clusone

Le province alpine di Bergamo, Brescia e Sondrio sono in prima fila nel progetto dell’Unione Europea “Interreg Alpine Space – Your Alps” destinato a sostenere i giovani nel ritorno alle pratiche agricole e zootecniche di montagna. La prima definizione del progetto è infatti “Educare i giovani per le Alpi: (ri)connettere le giovani generazioni alla montagna per un futuro nelle Alpi (Educating Youth for the Alps: (re)connecting Youth and Mountain heritage for an inspiring future in the Alps)”.

Lo scopo è innanzitutto rafforzare e supportare il settore dedicato alla Educazione di Montagna condividendo esperienze, utili per fornire alle giovani generazioni l’opportunità di sperimentare il modello di Scuola Alpina. Per questo il progetto intende supportare e promuovere un’ identità culturale alpina transnazionale, attraverso la strutturazione e lo sviluppo di un modello educativo congiunto. Otto sono «i siti pilota» che sono all’interno del progetto, in Germania, Francia, Austria e Italia. In particolare per l’Italia sono presenti le tre Province Lombardi di Bergamo, Brescia e Sondrio. Per la provincia di Bergamo l’operatore individuato è il corso per Operatore Agricolo dell’Abf di Clusone.

Abf Clusone è un centro di riferimento per esperienza e competenza nei vari settori in cui opera: zootecnia, pascoli, ambiente, coltivazione di cereali e vegetali, floricoltura e coltivazione di frutti, , coltivazione sperimentale come sistemi idroponici e acquaponici. All’interno del progetto la partecipazione è sostenuta dal Parco delle Orobie Bergamasche come specifica area protetta montana di riferimento, che affianca il corso ABF sin dalla sua nascita nel 2013.

Il progetto legato al “sito pilota” baradello ha assunto la significativa denominazione di “Not only by hoe” (non di sola zappa), ed il 27 marzo ha preso forma con le prime attività dedicate alle classi prima e seconda, curate dall’Associazione Asta del Serio. Il laboratorio proposto era legato al tema “Grano, granella, chicco. Un viaggio all’origine del mondo vegetale: storia, falsi miti, tecniche di semina e dinamiche di mercato”. Un’ulteriore conferma della bontà del lavoro svolto dall’associazione presieduta da Andrea Messa che si propone di recuperare la storia e la cultura delle coltivazioni cerealicole, ma anche di organizzare e partecipare ad eventi, seminari di studio.

“L’impegno messo in atto sulle scuole nella didattica – sottolinea Messa – verso la diffusione della “cultura delle colture” si declina in precise azioni di intervento teorico (in aula) e di formazione (in campo) su diversi democoltivi (parcelle destinate a piccole colture) in varie località dell’alta valle, di cui la più importante è proprio quella posta a fianco della sede ABF/CFP a Clusone”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare