Nistoc 2018.jpg

Nistoc infiamma il Sebino

Da giovedì 26 a domenica 29 luglio le colline di Sulzano risuonano di una montagna di musica: è Nistoc, la Woodstock del Sebino, che, giunta alla 17esima edizione propone ancora importanti novità e significative riconferme.

Le comunità del Sebino hanno iniziato a pensare in grande e anche le manifestazioni storiche, come la tradizionale Woodstock che si svolge e Nistisino di Sulzano con il nome locale di Nistoc, quest’anno presenta alcuni importanti novità. Prima tra tutte, l’apertura a musicisti di altre province e regioni che sono stati scelti tra Milano, Bologna, Genova. Ma Nistoc è stata la culla di generazioni di giovani e lo farà anche quest’anno con Alteria, Nicola Panteghini duo, Electric Ballroom, Sara Zuccarelli Band, Sick’s Strings, Luke & The Lion, Snake Oil Ltd, Isaia e l’Orchestra di Radio Clochard, Maghi di Carroz e la bella sorpresa dei Ducolis, nuova idea del vulcanico musicista camuno Alessandro Ducoli. L’Amministrazione comunale di Sulzano ha creduto fortemente in Nistoc, incoraggiando e sostenendo l’attivissima Associazione culturale Artemusica Nistoc. Nistoc fa qualcosa che la Music suggerisce: rendere migliore sé stessi aiutando gli altri: e lo fa sostenendo l’Associazione Angelman che raccoglie fondi per al ricerca scientifica sulla sindrome e di Angelman. Come ogni anno, anche Nistoc 2018 avrà una dedica speciale ad un musicista speciale: quest’anno sarà Johnny Cash, morto nel 2003, figura atipica nella musica popolare americana del XX secolo, rispettato e riverito da icone della cultura alternativa, il cui splendido ritratto per Nistoc è stato eseguito dall’artista Bruno Zoppetti. Nistoc si completa anche con Mantua Dixie Band con spettacolo itinerante sabati 28 luglio nel pomeriggio e con “Nistocchino” palco aperto sabato e domenica pomeriggio ai gruppi non selezionati per la Nistoc ufficiale. I concerti hanno inizio alle ore 21.00.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare