Ospedale patrologia neonatale

Neonato morto al Civile di Brescia per infezione batterica

Un neonato ricoverato nel reparto di di Patologia neonatale del Civile di Brescia, è morto ucciso da un batterio killer annidatosi nel sistema gastrointestinale: si tratta di Serratia marcescens, individuato attorno al 20 luglio scorso.

Il piccolo assieme al gemellino, che pure ha contratto la stessa infezione, al pari di altri otto piccoli degenti, tutti nati prematuri, dalle 22 alle 36 settimane, con un sistema immunitario ancora fragile e immaturo, è figlio Il bimbo di una coppia bresciana ed è morto martedì 7 agosto. Dopo l’accertamento della presenza del batterio, i controlli sono stati estesi ai neonati ricoverati nello stesso reparto ed hanno consentito di appurare che altri erano stati interessati da colonie dello stesso batterio, anche se non tutti presentavano i sintomi dell’infezione. Le condizioni dei piccoli, ricoverati in terapia intensiva, a partire dal gemellino, sono considerate stabili, il che farebbe ben sperare. L’evenienza di un’infezione di questo tipo non è rara, a detta degli esperti, in soggetti con un sistema immunitario ancora non maturo, anche se si tratta del primo caso specifico al Civile. Non così in Lombardia e in altre città italiane e europee, dove peraltro solo in pochi casi è stato possibile accertare quale fosse la fonte dell’infezione. Sull’accaduto la Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti e i Carabinieri del Nas hanno acquisito gli atti relativi al decesso del piccolo. Al momento tuttavia non risultano indagati, né vengono ravvisati allo stato profili di responsabilità. Le bonifiche effettuate una volta accertata la presenza di Serratia marcescens, permettono di escludere il rischio di contagio. Resta una tragedia che ha stroncato poco dopo la nascita la vita di una creatura e il dolore di una famiglia che ora non può che aggrapparsi alla speranza per il gemellino sopravvissuto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare